The Revolving World – PADIGLIONE NAZIONALE THAILANDIA

Padiglione Nazionale Thailandia alla 58. Biennale Arte di Venezia

Share:

Di nuovo ospite del Concilio Europeo dell'Arte alla InParadiso Art Gallery, la Thailandia presenta alla 58. Esposizione Internazionale d'Arte- La Biennale di Venezia l'immagine inedita di un "Mondo Girevole" in cui si susseguono storia, leggende e racconti di vita.

InParadiso Art Gallery, Venezia

Ingresso libero

10.00 - 18.00, chiuso lunedì

11 Maggio - 24 Novembre 2019

Inaugurazione Venerdì 10 Maggio, ore 16.00

La Mostra

Partecipanti | Somsak Chowtadapong, Panya Vijinthanasarn e Krit Ngamsom

Commissario | Vimolluck Chuchat

Organizzazione | Ufficio dell’Arte e Cultura Contemporanea, Ministero della Cultura, Thailandia

Curatore | Tawatchai Somkong

Pre-apertura | 8 – 10 Maggio 2019, ore 10.00 – 18.00

Cerimonia di inaugurazione | Venerdì 10 Maggio 2019, ore 16.00

Location | InParadiso Art Gallery, Giardini della Biennale

Apertura al pubblico | 11 Maggio – 24 Novembre 2019 (orario di apertura 10.00 – 18.00, chiusura lunedì, tranne 13 Maggio, 2 Settembre e 18 novembre 2019)


THE REVOLVING WORLD – MONDO GIREVOLE

Leggende, Racconti di vita e Storie, sono invenzioni collegate alla verità, inseparabili e interconnesse.

Le opere d’arte in esposizione rappresentano, sotto la lente di ingrandimento degli artisti chiamati a rappresentare il panorama artistico contemporaneo della Thailandia, le leggende, i racconti di vita e le storie che si collegano con il regno della Thailandia, basandosi sulle radici culturali e della società di questo Paese e sulle relazioni cha esso intesse con i paesi stranieri.

Panya Vijinthanasarn costruisce in una stanza la rappresentazione degli affreschi tradizionali Thailandesi del Tempio Bang Khae Yai, Samut Songkhram. I dipinti rappresentano la storia della vita del Buddha. E’ un spazio per la meditazione, creato da storie Buddiste, in un contesto sociopolitico contemporaneo.

Somsak Chowtadapong presenta la leggenda Thailandese di “Mae Nak Phra Khanong”. É una tragedia che si crede vera, successa nel periodo di Re Rama III. La storia viene reinterpretata e presentata attraverso un dipinto astratto, situato in una scatola luminosa. Chowtadapong reinterpreta i racconti degli eventi storici usando una prospettiva artistica e presentando al pubblico tragedie successe in tempi diversi a differenti gruppi di persone che soffrono per le loro perdite. Essi rimangono, ad ogni modo, interconnessi dalla verità della vita.

Krit Ngamsom racconta, nell’opera presentata come “Armadietto Storico” tutto quello che c’è scritto nella storia del regno Thailandese di Re Rama V in poi, usando i materiali simbolici del mondo occidentale che rappresentano la diffusione culturale di quel tempo. Basandosi sul concetto di opposizione binaria, l’opera vuole rappresentare due simili ma diverse prospettive che richiedono allo spettatore di pensare, usando gli stessi punti di vista.

Le leggende, i racconti di vita, e le storie, variano in base al contesto sociale del momento. Il tempo è un compilatore, che intreccia tutto in un’unica storia.

ll presente diventerà il passato del futuro, finché il mondo continuerà a girare, non possiamo fare altro che sorvegliare con calma tutti i cambiamenti.

 

Press release_Pavilion of Thailand_ITA